:: Home » Eventi » 2006 » Maggio
2006
20
Mag

il nuovo progetto editoriale firmato dal CEC

di
Commenti () - Page hits: 700

Udine, 16 maggio 2006

 

IL NICKELODEON:

il nuovo progetto editoriale firmato dal CEC

 

completamente rivoluzionata la nuova rivista di cinema propone  approfondimenti, curiosità e aggiornamenti…

 

 

 

 

NICKELODEON: la storica testata del Centro Espressioni Cinematografiche si trasforma e diventa una vera e propria rivista specializzata e interamente dedicata all’approfondimento cinematografico.

Già disponibile il primo numero al Bookshop del Visionario, e in uscita il prossimo a fine giugno, il Nickelodeon è un periodico quadrimestrale dall’impostazione completamente nuova. Una veste grafica rinnovata e un progetto editoriale rivoluzionato contraddistinguono la nuova edizione del magazine diretto da Giorgio Placereani, che non sarà più distribuito gratuitamente, ma sarà in vendita al Bookshop del Visionario e nelle migliori librerie del Triveneto.

Stampato per la prima volta nel 1981 la scelta editoriale che sottostava al Nickelodeon fu, fin dal primo numero, quella di non chiudersi nella dimensione del bollettino. Il giornale aveva inevitabilmente lo scopo di fornire al pubblico un’informazione immediata sulla programmazione del CEC e sulle sue iniziative, ma fin dall’inizio ha mantenuto salda l’intenzione di essere una rivista di cinema, di rappresentare uno strumento culturale e d’intervento per la migliore comprensione del cinema in generale. Negli anni la programmazione si è fatta molto più aperta e articolata: la crescita di numero e d’importanza delle iniziative organizzate – si pensi a FAR EAST FILM, a Lo Sguardo dei Maestri, alle rassegne ospitate al Visionario, alle mostre che trovano spazio nel centro per le arti visive - stimola continuamente gli organizzatori a pubblicare materiali ad esse correlati ma che abbiano anche una dimensione culturale di rilievo.

Il nuovo Nickelodeon sarà lo strumento per sviluppare la scelta di realizzare una rivista di cinema di buon livello, dove i lettori potranno trovare contributi critici sulla stagione cinematografica, una sorta di parade con il meglio e il peggio che abbiamo visto, per cui non mancheranno le firme amiche del CEC, i critici e gli studiosi che collaborano con l’Associazione nei grandi progetti annuali. Non mancherà uno sguardo all’attualità, all’evoluzione del cinema, alle dinamiche che sottendono i movimenti del pubblico e alla tecnologia che accompagna lo sviluppo della settima arte. La parte del leone sarà per l’apparato saggistico con approfondimenti sui maestri e sugli eventi curati durante l’anno, al quale faranno corredo rubriche più brevi dove sarà dato spazio ai temi cari al CEC quali il FAR EAST con gli aggiornamenti sulle cinematografie asiatiche, le forme brevi come il videoclip o lo spot pubblicitario, il documentario, il cinema a scuola, il cinema di genere, le ultime uscite editoriali sia di film che di libri…

Nickelodeon sarà una rivista per tutti, una delle poche specializzate nel Triveneto, che avrà il proposito di avvicinare il pubblico alla settima arte e non solo… dove lo sguardo critico si accosterà e amalgamerà ad un approccio pratico, risultato di anni di esperienza nel campo dell’esercizio cinematografico, dell’organizzazione di manifestazioni, della capacità di attrarre sul nostro territorio personaggi, artisti ed eventi in grado di soddisfare tutti i gusti e tutte le età. Una politica aperta a stimoli di ogni tipo distinguerà il giornale, la stessa politica che ha nutrito il lavoro del CEC in tutti questi anni.

 

Nel primo numero fra gli articoli più importanti compaiono:

UMANITÀ DI UGO CASIRAGHI di Tatti Sanguineti;

PIONIERI DEL PASSATO di Ugo Casiraghi;

ORSON WELLES GIRA IL DON QUIXOTE di Audrey Stainton;

MILANO 1977. IL CINEMA SECONDO ORSON WELLES di Paolo Mereghetti;

ORSON WELLES E MARIE-BERBE PONSARDIN, MEGLIO NOTA COME VEUVE CLIQUOT di Tatti Sanguineti;

TASSONE INTERVISTA ROHMER di Aldo Tassone;

SORPRESE AL BOXOFFICE IN COREA, GIAPPONE E CINA di Stephen Cremin;

…e poi molto altro…

 

 

 

Il Centro Espressioni Cinematografiche (C.E.C.) è un’associazione culturale nata a Udine nel 1973 con lo scopo di promuovere e diffondere il cinema di qualità. In breve tempo, grazie alla realizzazione di importanti iniziative cinematografiche, è diventata una delle organizzazioni di riferimento per la cultura nella regione Friuli Venezia Giulia. Concentrando la propria attività nella storica sala del Cinema d’Essai Ferroviario, il C.E.C. ha creato a partire dall’inizio degli anni Ottanta un punto di incontro unico sul territorio, capace di mostrare quel cinema spesso assente e invisibile sugli altri schermi. La gestione del Cinema d’Essai Ferroviario prevede quotidianamente  la proposta di film in prima visione ma anche retrospettive e approfondimenti sul cinema nazionale e internazionale con partecipazione di registi, attori e produttori. Nel 2005 il C.E.C. si è trovato di fronte ad un’altra stimolante sfida: gestire un nuovo complesso cinematografico, con tre sale (in totale 400 posti) e un ampio spazio espositivo in centro città. Un luogo, il Visionario – Centro per le Arti Visive, interamente dedicato all’immagine che si affianca da alcuni mesi all’attività svolta in città con la storica sala del Cinema d’Essai Ferroviario.

Udine Far East Film Festival è il fiore all’occhiello dell’attività del C.E.C.. Con il Far East Film il C.E.C. ha acquisito una dimensione internazionale creando a Udine un avamposto unico in Occidente per le cinematografie dell’estremo Oriente.

 

 

33100 Udine, via Villalta 24

TEL 0432/299545 ♦ FAX 0432/229815

Part. IVA 01295290306 ♦ Cod. Fisc. 8008140305

www.cecudine.org ♦ E-Mail cec@cecudine.org

 
:: Vota
Vota questo articolo: 1 - 2 - 3 - 4 - 5 (1 = scarso - 5 = ottimo)
 
::
È nata a Montecchio Emilia (RE) nel 1980, ma risiede da sempre in provincia di Parma. Laureata in lettere classiche presso l’Università degli Studi di Parma con una tesi in Storia del Teatro e dello Spettacolo dedicata alle riscritture del mito di Antigone, è attualmente dottoranda in discipline teatrali e cinematografiche presso l’Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano. Collabora con alcuni siti internet dedicati a letteratura e teatro, con un’agenzia letteraria e con un mensile locale. Da sempre interessata all’universo della scrittura e all’editoria, si è recentemente qualificata al primo posto nel concorso Storie a Mezzogiorno (sezione narrativa). Autrice della post-fazione al libro di Fortuna Della Porta IO CONFESSO, sta attendendo l’uscita del suo primo racconto nell’antologia dal titolo Piccole Storie, edizioni La Chiave.
:: Eventi recenti
 
KULT Virtual Press e KULT Underground sono iniziative amatoriali no-profit - per gli e-book e per gli articoli fare riferimento alla sezione Copyright
Webmaster: Marco Giorgini - e-mail: marco @ kultunderground.org - Per segnalazioni o commenti inviare una e-mail a: info @ kultunderground.org
Questo sito è ospitato su server ONE.COM

pagina generata in 321 millisecondi