:: Home » Eventi » 2006 » Maggio
2006
15
Mag

A quella vecchietta del metro...

Commenti () - Page hits: 850

IL FOGLIO LETTERARIO & EDIZIONI IL FOGLIO
Rivista fondata nel 1999 /Casa Editrice fondata nel 2003
sito internet: www.ilfoglioletterario.it

UNO STREPITOSO DEBUTTO LETTERARIO

Vincenzo Trama

A quella vecchietta del metro
se la rivedo le spacco il culo

Pag. 190 – Euro 13,00

10 Racconti

Uno come me che ha pubblicato dei racconti, se lo chiede dove Cristo è stato mentre un tipo della metà dei suoi anni si metteva a scrivere ste robe qui. Se ci mettete poi che il tipo in questione abita a un tiro di schioppo da casa mia, e i posti che racconta sono i miei posti, allora potete capire l’incazzatura che mi è venuta a leggere questo libro. Perchè io questo libro l’avevo sotto il naso e me lo sono lasciato scappare. Tarocco, Mario, tutti i posti, tutti i personaggi che ci sono in queste pagine li conosco; dovevo scriverlo io questo libro, altro che un ragazzetto con la metà dei miei anni! Comunque… Vi avviso, questa roba dà dipendenza. Se avete intenzione di tornare indietro e andare avanti fino alla fine fatti vostri. Non venite poi da me a dire che non riuscite a trovare altro da leggere.
A proposito… Avete qualche buon titolo da passarmi? ( Luigi Cristiano)


PER FARTI LEGGERE ALCUNI RACCONTI DEL LIBRO ABBIAMO PREPARATO UN E-BOOK GRATUITO, COSI' NON COMPRI A SCATOLA CHIUSA...

http://www.kultvirtualpress.com/opere.asp?book=1032

Ma intanto ti diamo un assaggio...

Charlie Parker

Qualsiasi mia pulsione, qualsiasi mio istinto è pur sempre mitigato da una umanità quantomai ipocrita e lasciva. Perbenismo e moralità, tra l’altro camuffate benissimo in una sudicia mistura, paiono regnare su questa terra, fottuta palletta immonda che non è altro. Bè, io mi son rotto le palle: IO voglio devastare, IO voglio crear caos, IO voglio far vincere il PARADOSSO, IO voglio la VITA come mi GIRANO I COGLIONI A ME, cazzodibudda. VOGLIOFARECOMEIDDIO. E voglio allora fare a fette un’esistenza PREGIATA, di quelle sempre col SORRISO pronto a scattare, come un COLTELLO a serramanico, voglio giocare con la vita di un ragazzo che ha sempre avuto tutto SENZA SUDARE una goccia in più degli altri, come se chissà quale GIUSTIZIA gli avesse mai dato il dono della FELICITA’. Io rovinerò la sua VITA. Perché? C’ho una carrellata di risposte da darvi: perché mi ruotano i maroni che ad alcuni va tutto bene e AD ALTRI NO, perché fondamentalmente sono UN CATTIVO, perché adoro gli OSSIMORI del NONSENSO, perché ho fatto indigestione di una pessima IMPEPATA DI COZZE, perché il sole in inverno non ti SCALDA ma ti ACCECA, perché avrò pur RAGIONE D’ESISTERE anch’io, o no?

Questo era ciò che pensavo, prima che tutto volgesse come è volto. Non potevo ancora sapere. Così, ingenuamente, mi apprestai alla mia opera di DEVASTAZIONE.

1° - Scegliere un soggetto idoneo

Scegliere un soggetto idoneo vuol dire trovare un tizio a cui le cose sono andate bene o male (più bene che male, ovvio, altrimenti che gusto c’è?) per il verso giusto. Ecco, tipo quello lì, lo vedete? Quello davanti allo specchio che sta rassettandosi gli ispidi capelli color nocciola. Il suo nome è Charlie Parker.

Charlie Parker ha sempre vissuto in maniera ordinaria. Ha venticinque anni e un bell’aspetto da intellettualoide disimpegnato; deve dare un ultimo esame prima della tesi e suona il basso in un gruppo emocore particolarmente seguito dall’audience metropolitana e underground; sogna di lavorare nel campo dell’editoria.

Charlie Parker è innamorato di Louise, sua compagna di corso in Letteratura quattro. Non è mai riuscito a dichiararsi a lei. Ha un rapporto contraddittorio con l’amore: lo patisce e non lo vive, come fa un’imberbe ragazzino alle prese coi suoi schizoidi ormoni impazziti. Eppure vivaci sguardi fra lui e Louise sono rimbalzati fra le mura dell’aula ben più di una volta e lei ha sempre tentato di approcciare con lui. Ma nulla. Charlie Parker è molto timido, e se non lo si prende di petto col piffero che lui si smuove.

Charlie Parker però si trasforma quando suona coi Chain, il suo gruppo di emocore. In sala prove è una fucina di idee, un mitragliatore di accordi e assoli e sui palchi dove si esibisce, lui, così pacato e riflessivo, diventa una bestia divincolante, preso com’è dal demone della musica. ; zompa, salta, grida, sfibra le corde del basso nell’incedere del riff punk.

Charlie Parker ha sostenuto schiere di esami con quella scioltezza che da sempre lo contraddistingue; laddove pur validi studenti si lanciavano in contumelie e bestemmie nei confronti del docente “bastardo e rottinculo” che li aveva stampati, Charlie Parker riusciva a farsi appioppare un trenta e lode, una stretta di mano e ci mancava solo il bacio con la lingua. Detto ciò bisogna pur dire che Charlie Parker non era un secchione. Solo che tutto gli andava bene.

Sì, fino a ora, pensavo.

2° - Cominciare a rompergli la minchia.

Troppo perfetta, la vita di sto qua! Questo mi son detto! E arrogandomi di diritto il titolo di paladino degli sfigati, ho pensato: maperchèchecazzo?

Non trovando una risposta ho deciso di agire: bisognava sbrindellare la vita di Charlie Parker.

Charlie Parker, finito di lisciarsi i capelli, era uscito di casa per recarsi all’università. Prima però, come faceva ormai da parecchi anni, raggiungeva il Bar Mario per un cappuccio e brioche.

Così, dopo il breve tragitto percorso da casa sua al bar, si ritrovò all’interno del locale di Mario, caldo e accogliente come un buon bar sport.

— Ohi, Charlie Parker, come va? — lo salutò Mario, mentre passava uno strofinaccio sul bancone di marmo.

— Tutto bene — rispose con un sorriso pacato Charlie Parker — mi faresti il solito cazzamoscio che sei te? Charlie Parker sbarrò gli occhi; che aveva detto?

— Come scusa? — disse Mario sporgendosi in avanti, sospetto.

— Il solito… cappuccio — titubò Charlie Parker, perplesso.

Eh sì. Son stato io. Ma non fu che l’inizio.

Presa la tazza fumante Charlie Parker si sistemò in un tavolino sul fondo. Poco più in là era seduto Tarocco, il cartomante del paese, immerso nel fumo azzurrognolo delle sue camel.

— Ehi, Charlie Parker — fece Tarocco — ti predico il futuro, vuoi? — disse facendosi sfarfallare tra le mani le carte napoletane, da destra a sinistra e viceversa. Charlie Parker stava già per rispondere che no, che lui il futuro se lo faceva da sé.

CONTINUA...


Come fare per avere questo libro?

1. La puoi ordinare nella tua libreria di fiducia

2. La puoi richiedere alla casa editrice ( www.ilfoglioletterario.it , per informazioni: ilfoglio@infol.it )

3. La puoi acquistare on line sul sito di Internet Bookshop ( www.ibs.it ), la più grande libreria in rete

4. La puoi acquistare su www.365bookmark.it

5. La puoi acquistare in una fumetteria dei circuiti STAR SHOP, PANINI o PEGASUS

6. In Toscana il libro è distribuito da CASALINI LIBRI

7. Lo trovi in una di queste librerie fiduciarie: Libreria La Bancarella (Piombino), Thrauma (Viareggio), Librarsi (Venaria Relae - TO), La Rinascita (Empoli), Sottosopra (Follonica), Modus Vivendi (Palermo), Il Prosivendolo (Osimo), CS Coop Studi (Torino), Lib. La storia più bella (Milano), Libreria Universitas (Palermo) e Libreria Kimera (Bisceglie).


L 'UFFICIO STAMPA INVIA COPIE OMAGGIO SCOPO RECENSIONE

ilfoglio@infol.it - 056545098

PER ACQUISTI: ccp 19232586 intestato a Gordiano Lupi - euro con spese postali


NOVITA' IN LIBRERIA

COLLANA ARTE NUOVA

Donna e altri racconti di Piero Donato - euro 10,00 - pag. 80 - ISBN 88 – 7606 – 111 – 8

Una giovane modella scandinava abbandonata dal suo impresario, una giovane coppia di genitori in bilico tra la crisi e la routine, un uomo che si diverte a dare un insolito “scacco matto” al suo analista, un impiegato che vive un’evanescente incontro – apparizione o allucinazione? – con l’amico annegato anni prima nei mari della Sardegna, sono alcuni fra i temi, di scottante attualità, affrontati da un autore che non mostra alcuna difficoltà nella narrazione attraverso i vari stili adottati, visto, peraltro, i premi assegnatigli (per il racconto “Donna” - primo premio “Giovanni Gronchi” 1998 per la narrativa di genere fantastico - scritto in un modernissimo stile mitico contemporaneo, ma non privo di richiami all’era dei miti greci, che, anzi, ne costituiscono la ragion d’essere; e per l’altro racconto, “Archetipo”, premiato al “Giovanni Gronchi” 1995; in particolare, quest’ultimo, brevissimo, sembra sottendere, in poche pagine, quel “senso della vita” cui si arriva mediante una sorta di inaspettato uovo di Colombo). Ma il divertente “Scacco Matto” e l’imprevedibile “Rumore di fondo” non lasciano certo indifferenti, costituendo enigmatici interrogativi, circa contraddizioni di una civiltà contemporanea non esente da conflitti esistenziali, ai quali, talvolta, si possa rispondere in maniera leggera; talaltra, cercando maggiore responsabilità nelle normali azioni quotidiane.


Impegni del Foglio nei prossimi mesi
19 - 20 maggio Anagni - Convegno sulla narrativa umoristica
26 - 28 maggio Fiera del Libro di Vicenza
2 - 4 giugno Fiera del libro di Imperia
10 giugno - Donne incazzate a Salsomaggiore
17 - 18 giugino fiera di Celle Ligure
9 - 10 settembre Fiera del libro di Certaldo (FI)
16 settembre piccola fiera del libro a Bucine (AR)
22 - 24 settembre Fiera del libro di Rosignano (LI)
13 - 15 ottobre Fiera del libro di Pisa
10 - 12 novembre Fiera del libro di Verona


EDIZIONI IL FOGLIO UFFICIO STAMPA 056545098
Corrispondenza: CASELLA POSTALE 171
Posta Centrale di via Volta - Piombino
Redazione: via Boccioni 28 57025 PIOMBINO (LI)

 
:: Vota
Vota questo articolo: 1 - 2 - 3 - 4 - 5 (1 = scarso - 5 = ottimo)
:: Eventi recenti
 
KULT Virtual Press e KULT Underground sono iniziative amatoriali no-profit - per gli e-book e per gli articoli fare riferimento alla sezione Copyright
Webmaster: Marco Giorgini - e-mail: marco @ kultunderground.org - Per segnalazioni o commenti inviare una e-mail a: info @ kultunderground.org
Questo sito è ospitato su server ONE.COM

pagina generata in 56 millisecondi