:: Home » Eventi » 2004 » Ottobre
2004
28
Ott

Lo Sguardo dei Maestri

di
Commenti () - Page hits: 1050

VII edizione
“Ingmar Bergman. Di Silenzi e Desideri”

“quel cinema dove i personaggi vivono tra aspirazioni e desideri, dove la
coppia è il luogo sociale in cui la vita s’intreccia e spesso si annoda”

Centro Espressioni Cinematografiche di Udine
Cinemazero di Pordenone
La Cineteca del Friuli

dal 10 novembre al 24 febbraio
propongono una grande retrospettiva dedicata a Ingmar Bergman
(Udine e Pordenone)
il 4 e 5 febbraio
un convegno internazionale di studi
(Pordenone)

Lo Sguardo dei Maestri è giunto alla sua settima edizione e, dopo Bresson,
Buñuel, Tati, Ophüls, Dreyer e Fellini, quest’anno si dedica al cinema del
grande maestro svedese, colui che ha saputo raccontare la complessità dei
desideri e delle pulsioni dell’essere umano all’interno delle relazioni tra
uomo e donna intese come luogo di confronto, di comunicazione o di assenza.
 “Bergman è stato uno dei lucidi e implacabili esploratori della condizione
umana nelle sue diverse stagioni, dalla vulnerabilità dell’infanzia ai
febbricitanti amori della giovinezza, dai conflittuali rapporti di coppia
nell’età matura ai risentiti rimpianti di quella senile” (L. De Giusti).
E come fossero le tappe biologiche della vita di un uomo a Udine e Pordenone
si indagheranno le diverse fasi della sua lunga e ricca carriera: dagli
esordi negli anni Quaranta fino alla maturità, attraversando i momenti di
massima affermazione e successo. A partire dal 10 novembre, nelle due città
friulane si vedranno in 15 settimane 32 film, comprendendo SCENE DA UN
MATRIMONIO in tutti i suoi episodi, la versione televisiva di FANNY E
ALEXANDER, fino ad arrivare al recentissimo SARABAND (2003).
Accanto alla retrospettiva dei film (tutti in lingua originale), che avrà
luogo al Cinema d’Essai Ferroviario (Udine) e a Cinemazero (Pordenone), la
settima edizione de Lo Sguardo dei Maestri sarà arricchita anche dal
consueto appuntamento convegnistico che si svolgerà, a fine rassegna, nella
città di Pordenone il 4 e il 5 febbraio.
Il convegno – che ogni anno produce un libro con la raccolta degli atti
edito da Il Castoro - si concentrerà in una prima parte sul film FANNY E
ALEXANDER del 1982, capolavoro e opera summa della suo iter artistico, per
poi addentrasi una seconda incentrata sugli ultimi lavori cinematografici.
In FANNY E ALEXANDER confluiscono, infatti, molti dei temi disseminati nel
corso di una intera vita dedicata al cinema e allo stesso tempo molte delle
tensioni di allora sembrano qui sciogliersi in una sorta di riconciliazione
del soggetto con il mondo esterno in “uno stato di grazia estetica che si
esprime nel raggiunto equilibrio di reale e magico, verosimile e
meraviglioso, una straordinaria sintesi di naturale e sovrannaturale” (De
Giusti) . Da questo momento il percorso artistico di Bergman diventa ancora
più vario indagando i mezzi mediatici più moderni e di più facile
produzione: crea programmi e film per la televisione, intensifica il lavoro
di scrittura con romanzi e sceneggiature, coltiva il fondamentale amore per
il teatro con memorabili regie per il palcoscenico. L’attrazione per le
immagini in movimento rimane comunque forte, così negli ultimi anni sono
svariati i lavori per la televisione ed è su questi che si concentra la
seconda sezione del convegno: IL SEGNO (’84), VANITA’ E AFFANNI (’97),
SARABAND (’03), DOPO LA PROVA (’84) che viene distribuito anche nelle sale.
Il rapporto tra cinema e teatro, tra esistenza e rappresentazione sono i
temi che sembrano interessarlo in quest’ultima fase permettendogli
illuminanti rivisitazioni e variazioni sui temi a lui legati, anche dal
punto di vista tecnico per cui non si sottrae ad utilizzare i mezzi propri
della TV e il digitale. Tanto più che, comunque li si voglia definire,
questi ultimi film sembrano generati da un autore che si rincammina sui
sentieri del proprio itinerario creativo: ne sono infatti la straordinaria
prosecuzione.
Bergman si presenta come uno di quei pochi importanti nomi della storia del
cinema mondiale capaci di raggiungere il pubblico di oggi con un bagaglio
immenso di idee e immagini.

La manifestazione gode del supporto di
Ministero per i Beni e le Attività Culturali – Direzione Generale Cinema
Regione Friuli Venezia Giulia
Provincia di Pordenone
Provincia di Udine
Fondazione Cassa di Risparmio di Udine e Pordenone

in collaborazione con
Università degli Studi di Udine
Consorzio Universitario di Pordenone


In allegato invio:
1. Programma della manifestazione;
2. Immagine dal film "Persona", Svezia, 1966, con Liv Ulmann, Bibi
Andersson, G. Bjornstrand.


Lo sguardo dei maestri
Ufficio stampa CEC/Centro Espressioni Cinematografiche
Via Villalta 24
331100 Udine
tel. 0432/299545
fax 0432/229815
cec@cecudine.org
www.cecudine.org

 
:: Vota
Vota questo articolo: 1 - 2 - 3 - 4 - 5 (1 = scarso - 5 = ottimo)
 
::
È nata a Montecchio Emilia (RE) nel 1980, ma risiede da sempre in provincia di Parma. Laureata in lettere classiche presso l’Università degli Studi di Parma con una tesi in Storia del Teatro e dello Spettacolo dedicata alle riscritture del mito di Antigone, è attualmente dottoranda in discipline teatrali e cinematografiche presso l’Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano. Collabora con alcuni siti internet dedicati a letteratura e teatro, con un’agenzia letteraria e con un mensile locale. Da sempre interessata all’universo della scrittura e all’editoria, si è recentemente qualificata al primo posto nel concorso Storie a Mezzogiorno (sezione narrativa). Autrice della post-fazione al libro di Fortuna Della Porta IO CONFESSO, sta attendendo l’uscita del suo primo racconto nell’antologia dal titolo Piccole Storie, edizioni La Chiave.
:: Eventi recenti
 
KULT Virtual Press e KULT Underground sono iniziative amatoriali no-profit - per gli e-book e per gli articoli fare riferimento alla sezione Copyright
Webmaster: Marco Giorgini - e-mail: marco @ kultunderground.org - Per segnalazioni o commenti inviare una e-mail a: info @ kultunderground.org
Questo sito è ospitato su server ONE.COM

pagina generata in 37 millisecondi