2011
7
Set

Mi vado bene? Autostima e assertività

media 4 dopo 1 voti
Commenti () - Page hits: 3550
Autostima e assertività
 
Michele Giannantonio è uno psicologo, psicoterapeuta; insegna alla SBPC (Scuola Bolognese di Psicoterapia Cognitiva), al CISSPAT (Centro Italiano Psicoterapia a Breve Termine) e presso numerosi corsi di formazione. E’ socio ordinario dell’Associazione Italiana di Analisi e Modificazione del Comportamento e Terapia Comportamentale e Cognitiva (AIMAC). Ha quindi una grande esperienza di formatore e di divulgatore che emerge dalle pagine di questo libro della Erickson dedicato a temi molto interessanti per parlare del benessere psicologico personale, quali appunto il tema dell’autostima e dell’assertività.
Si tratta di un manuale di auto-aiuto, ovvero appartiene a quel genere letterario in cui il testo propone non solo una cornice teorica, ma anche esercizi, test e schede che il lettore è chiamato a svolgere per conoscersi meglio e acquisire una migliore salute mentale. Certamente, lo stesso autore è consapevole che un testo di psicoterapia non sostituisce la psicoterapia stessa e che non basta un libro per acquisire una migliore salute psichica; allo stesso tempo, però, propone un manuale che attraverso un approccio estremamente divulgativo e pratico ha l’obiettivo principale di fornire chiarimenti intorno ai temi trattati, spunti di auto-analisi e consigli concreti su come affrontare con maggiore serenità tanti aspetti problematici della nostra vita.
Il libro prende in esame specificatamente due ambiti: quello dell’assertività e quello dell’auto-stima; si tratta di due aspetti fondamentali per il benessere psicologico di ogni persona, intimamente collegati fra di loro.
L’autostima, infatti, è quell’ambito dinamico e complesso della nostra personalità che riguarda l’insieme di opinioni che abbiamo su di noi; essa è influenzata da fattori non solo personali (ad esempio la propria storia di vita, i propri successi oppure i propri fallimenti), ma anche culturali e sociali (per cui l’importanza che noi diamo al nostro aspetto fisico, rispetto per esempio alla nostra intelligenza ,dipende spesso dalla cultura che ci sta attorno).
L’assertività è la capacità di mediare fra la passività (“lascio stare” i miei bisogni e i miei diritti per il quieto vivere ) e l’aggressività (impongo i miei bisogni e i miei diritti agli altri) per proporre serenamente quelle che sono le mie esigenze accettando però che esse si confrontino anche con le esigenze degli altri.
L’autore propone nel suo testo, quindi, alcune riflessioni e alcuni esercizi proprio per crescere nel proprio benessere psicologico migliorando la propria assertività e la propria autostima; questo percorso è sviluppato nelle quattro parti in cui il libro è diviso:
a)           Autostima e assertività = in questa prima parte si analizzano proprio questi due preziosi ambiti della personalità sostenendo come essi siano aspetti fondamentali su cui costruire un’esistenza psicologicamente felice. Un capitolo è inoltre dedicato alle così dette “critiche manipolative” ovvero quella serie di critiche che affrontiamo nella nostra vita e che portano a distruggere la nostra auto-stima.
b)           Affrontare bene la vita = l’autore propone qui una serie di tecniche per cercare di vivere con maggiore serenità, rilassandosi, usando le proprie risorse interiori, curando i propri bisogni e il proprio piacere, ma anche cercando l’aspetto positivo che si trova pure negli eventi e negli aspetti negativi della nostra storia. In questo senso l’autore non propone una visione  della vita che neghi le sofferenze e le esperienze negative, ma offre consigli concreti per rileggere anche gli eventi negativi cercando di affrontarli con maggiore pace interiore.
c)            I nostri pensieri: conoscerli, controllarli, modificarli = la terza parte del libro è dedicata all’analisi di uno dei temi più caratteristici della psicologia comportamentale e cognitiva, cioè l’influenza che i pensieri irrazionali hanno sui comportamenti umani e la capacità della psiche di controllare e modificare i pensieri irrazionali per acquisire un modo di comportarsi più sano. Ad esempio il pensiero “devo essere sempre adeguato in ogni situazione” porta l’individuo a vivere con ansia ogni tipo di confronto con la realtà. L’autore chiama questi pensieri irrazionali con il nome di “idee tossiche”; insegna come riconoscerle e come affrontarle in modo che esse non abbiano più potere di condizionare e stressare la nostra vita.
d)           La dimensione corporea = l’ultimo capitolo del libro si riferisce all’importanza di acquisire quelle tecniche che permettono di “ascoltare” il nostro corpo. Le emozioni corporee indicano infatti quella parte di noi che maggiormente esprime i nostri bisogni e i nostri desideri più veri, che spesso vengono nascosti o proiettati al di fuori di noi. Accogliere il nostro corpo diventa quindi un obiettivo importante di consapevolezza interiore e anche un punto di partenza imprescindibile per un cammino di maggiore auto-stima e quindi di maggiore capacità assertiva rispetto a quelli che sono i nostri veri bisogni.
Il libro di Giannantonio è ricco di spunti interessanti, di schede e di test che sicuramente possono essere una buona guida per una maggiore conoscenza di sé e di quei dinamismi tipici della psiche umana che spesso sono causa di sofferenza interiore; la sua esperienza come divulgatore e formatore danno naturalmente valore ai consigli e agli esercizi proposti.
E’ un testo che lo stesso autore definisce nella prefazione “libro da comodino”, cioè un manuale da una parte da tenere sottomano per cogliere gli spunti più adeguati per le cose che ci capitano durante la nostra giornata, dall’altra da leggere non “tutto di un fiato” e in modo progressivo, ma meditandolo, scegliendo le parti più adatte nei diversi capitoli e cogliendo quegli aspetti che sono più consoni alla propria personalità.
Per gli amanti del genere dei manuali di “auto-aiuto” è sicuramente un libro utile per approfondire temi tipici della psicologia comportamentale e cognitiva e per farsi un’idea di due nuclei fondamentali della personalità, come sono appunto i temi della auto-stima e dell’assertività.
 
:: Vota
Vota questo articolo: 1 - 2 - 3 - 4 - 5 (1 = scarso - 5 = ottimo)
 
:: Luca Giorgini
Luca Giorgini, 33 anni, ha il Baccellierato in Teologia e ha frequentato un corso annuale di “Handicap e Svantaggio nell’apprendimento”. Attualmente sta conseguendo la Laurea Specialistica in “Antropologia Culturale ed Etnologia”. Lavora come educatore in ambito scolastico e territoriale con ragazzi della scuola secondaria di primo grado. Ama il suo lavoro, leggere e fare due chiacchiere con gli amici.
:: Articoli recenti
 
KULT Virtual Press e KULT Underground sono iniziative amatoriali no-profit - per gli e-book e per gli articoli fare riferimento alla sezione Copyright
Webmaster: Marco Giorgini - e-mail: marco @ kultunderground.org - Per segnalazioni o commenti inviare una e-mail a: info @ kultunderground.org
Questo sito è ospitato su server ONE.COM

pagina generata in 60 millisecondi