2011
22
Gen

Persecuzione

Commenti () - Page hits: 1100
Pagg.416 Euro 20,00
Mondadori Editore
 
A cinque anni di distanza dall’esordio letterario con il libro “Con le peggiori intenzioni” che lo ha imposto all’attenzione del pubblico e della critica, lo scrittore  ritorna con questo libro, del tutto  concluso e autonomo.  che costituisce il primo capitolo di un dittico dal titolo Il fuoco amico dei ricordi che uscirà nei prossimi mesi. Protagonista Leo Pontecorvo, 48 anni, sposato con Rachel, due figli adolescenti Filippo e Samuel, villa all’Olgiata. Leo è un uomo di successo: pediatra, oncologo di fama internazionale, dirige la clinica “Anima Mundi”, tiene una rubrica di medicina su “Il Corriere della sera”. Un uomo di potere, gentile con  tutti, generoso, un Mito per molti pazienti che lo adorano per le proprie capacità mediche e umane come Luchino, un uomo che, quando era piccolo,  è stato salvato da Leo e conduce un’esistenza normale. La sua vita viene ad essere sconvolta quando una sera, la vicenda è ambientata  a Roma nel luglio del 1986, la tv informa che il nostro eroe è accusato di violenza carnale ai danni di una dodicenne, Camilla, fidanzatina di Samuel. Leo non reagisce, non grida di essere vittima di un errore giudiziario, non fornisce spiegazioni ai suoi familiari che lo guardano attoniti, incapaci di esprimere qualsiasi giudizio. Leo percepisce questo silenzio come un’accusa. Anche gli amici non si fanno sentire. La Guardia di finanza che già aveva incominciato ad indagare su alcuni conti della clinica, intensifica la propria attività e Leo si lascia andare. Si rifugia nel  della casa dove nessuno lo va a cercare. Solo con se stesso, incomincia a ripercorrere le tappe della propria vita: il rapporto con la moglie Rachel., medico anch’essa, conosciuta sui banchi dell’Università quando lui era docente, quelli  con i figli, specie con Filippo che soffre di dislessia, incomincia a detestare la sua buona fede, di uomo di potere che firmava tutti i documenti de suoi collaboratori. Trova , davanti il proprio “ buco”, qualcosa da mangiare, ma non capisce chi lo aiuta a sopravvivere. Si rivolge ad un suo ex compagno di scuola che aveva bistrattato quando era giovane, l’avvocato Herrera, che , forse per ripicca, gli chiede subito 70 milioni di euro, ma finisce ugualmente in carcere in attesa di un processo. Al di là dell’esito e del successivo  libro, Piperno ci descrive la storia di come una notizia, resta da appurare ancora se è vera o  falsa, possa distruggere un uomo, possa incrinare i rapporti familiari, interpersonali, possa creare, nella nostra società, dei Mostri. Leo è vittima o carnefice? Leo ha violentato, o no, la piccola Camilla? ma, soprattutto chi è Leo? Un ebreo cresciuto nel lusso ridotto ad uno scarafaggio di kafkiana memoria? Un uomo stritolato da un sistema di potere  piu’ grande di lui? Lo scrittore non si sbilancia, anche se già il titolo del libro è emblematico. Leo è vittima  di una persecuzione e Piperno riprende, anche in questo libro, i temi a lui cari: l’ebraismo, la persecuzione verso il popolo ebreo, una giustizia non giusta e critica ferocemente il microcosmo della famiglia, specchio della società. Non a caso, ripercorre il suo rapporto con Rachel, molto diversi fra di loro, nonostante diversi anni di matrimonio e due figli. Diversità che , seppur nascoste, riemergono quando il protagonista cade in disgrazia. Piperno è molto bravo: dà vita ad una trama articolata e complessa, ci offre delle descrizioni di personaggi e situazioni molto intense. La forza dello scrittore risiede nella scrittura: potente, vigorosa, di alto profilo che dimostra come Piperno sia uno scrittore originale e  “di razza”.
 
:: Vota
Vota questo articolo: 1 - 2 - 3 - 4 - 5 (1 = scarso - 5 = ottimo)
 
:: Giuseppe Petralia
Giuseppe Petralia è giornalista pubblicistica dal 1984. Recensisce il primo libro ''Intervista sul socialismo italiano a Pietro Nenni'' a 18 anni, intervista apparsa sul periodico “Proposta Socialista”. Inizia a scrivere sulle pagine di ''Trapani Nuova'' e diventa, sempre nel 1981 corrispondente da Partanna (Trapani) de ''Il Giornale di Sicilia''. Collabora da dieci anni al periodico ''Il Belìce'', con recensioni di libri e articoli di cronaca e di politica. Ha collaborato con il periodico ''La Notizia-In'' e per quanto riguarda il web con il sito dello scrittore Antonio Messina, con www.belice.it e con libri.brik.it. Ha collaborato con recensioni ed interviste con la scrittrice Francesca Mazzucato e con ''I libri della settimana'' di Giancarlo Macaluso sul sito www.gds.it. Ha intervistato, fra gli altri, Vanessa Ambrosecchio, Simona Vinci, Domenico Cacopardo, Marco Vichi, Luca Di Fulvio, Ivan Cotroneo, Gabriella Imperatori, Paola Mastrocola, Grazia Verasani, Pietro Spirito, Teresa Ciabatti, Simona Corso, Alessandra Montrucchio, Enrico Remmert, Alessandro Perissinotto.
:: Articoli recenti
 
KULT Virtual Press e KULT Underground sono iniziative amatoriali no-profit - per gli e-book e per gli articoli fare riferimento alla sezione Copyright
Webmaster: Marco Giorgini - e-mail: marco @ kultunderground.org - Per segnalazioni o commenti inviare una e-mail a: info @ kultunderground.org
Questo sito è ospitato su server ONE.COM

pagina generata in 64 millisecondi