:: Home » Articoli » 2008 » Aprile
2008
15
Apr

Le rose si vendicano due volte

Commenti () - Page hits: 1200
Editrice effequ
 
   “Erion Monaj smise d’essere di questa vita…, Trovammo la lama spezzata di un coltello da cucina ferma tra la quinta e la sesta costola della gabbia toracica”.
 
   Il “Prologo” di Le rose si vendicano due volte, di Leonard Morava, scrittore albanese che vive in Italia, e il titolo stesso, già di per sé accattivante e che ci fa immediatamente pensare a Il nome della rosa di Umberto Eco, costituiscono una iniziale intelligente spinta alla lettura, addentrandoci nella quale, contrariamente a quanto ci aspettavamo, le tonalità del noir, come la suspense, si affievoliscono via via, pur persistendo fino alla fine, per far posto ad un realismo intriso di lirismo elegiaco, che nasce da uno scontro tra dolorose realtà legate a sconvolgimenti politici nazionali, miseria, viaggi avventurosi per mare, verso esili forzati, e desiderio di vivere sentimenti puri e profondi, di aderire al ritmo gioioso della vita e della giovinezza. Siamo catturati inevitabilmente dal sospettare in modo fulmineo (era nelle intenzioni dello scrittore?) di Teresa Sasaro, la cameriera della trattoria italiana, e di Simona Brun, la pensionante; sospettiamo un po’ di più e più a lungo di Dorata Bardhi e molto di più, poi, di Elvira Kresta…
 
   Il corpo senza vita di Erion viene portato nella sua terra d’origine dagli amici albanesi, con cui in giovane età aveva stretto un patto di fratellanza con una sostanza fatta con 40 gocce di sangue di ciascuno di loro, polvere da sparo, tabacco, latte. Le usanze, le credenze e il rito funebre, sulla cui descrizione l’autore insiste con una certa compiacenza, ci fanno ricordare quelle meridionali illustrate  ne Il ponte di San Giacomo da L. M. Lombardi Satriani e Mariano Meligrano.
  
   Il romanzo, dalle forti tinte biografiche, è impregnato di una dolce malinconia, presente soprattutto nel lento recupero memoriale, e di profonde metafore esistenziali. L’ “amore proibito” tra Erion ed Elvira e quello alla luce del sole per le rose e, in generale, per tutti gli altri fiori, alleviano l’atmosfera tesa e le sofferenze causate dal Comunismo albanese, dalla mancanza di lavoro, dalla povertà, dalla mentalità non a passo coi tempi, dalle abitudini arretrate, ecc.  “Querer las flores, se encuentra la vida, querer la vida, se encuentra l’amor ». La Puglia all’orizzonte, la clandestinità, il senso d’inferiorità, la lotta per la sopravvivenza,  l’importazione in Italia della “cioccolata albanese”, l’impossibilità di rinvenire una logica nella tumultuosa ed incalzante casualità degli eventi inducono a conclusioni estreme: “…il mondo è il più grande paradosso del mondo. Lo ami e ti emargina, lo ignori e ti aiuta”. Il linguaggio incline alla poesia e materiato di profondo sentire, la trama semplice, ma ben articolata, del romanzo e la storia di Erion, “orfano dell’anima”, “fan della fatalità”, ci fanno conoscere, sorprendendoci, l’anima dell’Albania e degli albanesi, capaci di sentimenti delicati e di estreme efferatezze, spesso fatalisticamente rassegnati, a cui la cronaca nera, obbediente al principio dell’impassibilità, non è interessata.
 
:: Vota
Vota questo articolo: 1 - 2 - 3 - 4 - 5 (1 = scarso - 5 = ottimo)
 
:: Simonetta De Bartolo
Simonetta De Bartolo, recensore ed intervistatrice, è conduttrice de “Lo Scaffale”, rubrica di recensioni letterarie di www.patriziopacioni.it autentico web-magazine dedicato alla scrittura e a ogni altra forma di espressione artistica, alla solidarietà e all’’attualità. Nata a Cosenza, si è laureata in Lettere moderne, sottoindirizzo artistico, all’Università della Calabria, e ha condotto ricerche in campo etnologico. Ha partecipato a numerosi concorsi letterari e, per alcuni anni, ha fatto parte delle redazioni de La Tela Nera e di Progetto Babele, dell’Associazione culturale “Il Foglio” e del comitato di lettura di «NetEditor», sito su cui ha pubblicato recensioni, racconti e poesie. Ha collaborato con “Il Foglio Magazine” e alla pubblicazione di un volume pensato dagli editori della rivista «Italian Culture», organo ufficiale dell’Aais (Associazione americana per gli studi di italianistica). Sulla rivista «Encuentro de la cultura cubana», ha pubblicato una recensione del volume di autori vari, curato da William Navarrete, Versi tra le sbarre, dato alle stampe nel 2006 dalle Edizioni Il Foglio di Piombino (Livorno). Collabora con le e-zine Progetto Babele, Segreti di Pulcinella, StradaNove e KULT Underground; con i siti Web La Tela Nera, che, nel 2004, le ha pubblicato alcune recensioni nell’e-book antologico “Sangue sui libri”, con Opera Narrativa, KULT Virtual Press. Fa parte dello Staff del portale culturale “L(‘)abile traccia”. In questi ultimi anni si è segnalata e distinta anche nel settore delle interviste letterarie Per La Tela Nera, dopo aver recensito alcune importanti loro opere, ha dialogato con gli scrittori Davil Buio, Andrea Moneti e il caporedattore e fondatore di Progetto Babele, Marco R. Capelli; Per Progetto Babele con Francesco Gitto, Vittorio Bongiorno, Fabio Marangoni, Patrizio Pacioni. Infine, per www.patriziopacioni.it, Sacha Naspini e lo stesso Patrizio Pacioni.
MAIL: Simonadebartolo@libero.it
:: Articoli recenti
 
KULT Virtual Press e KULT Underground sono iniziative amatoriali no-profit - per gli e-book e per gli articoli fare riferimento alla sezione Copyright
Webmaster: Marco Giorgini - e-mail: marco @ kultunderground.org - Per segnalazioni o commenti inviare una e-mail a: info @ kultunderground.org
Questo sito è ospitato su server ONE.COM

pagina generata in 79 millisecondi