2004
19
Nov

Genia

Commenti () - Page hits: 1050

(Gianfranco Nerozzi - Dario Flaccovio)

Parlare di Gianfranco Nerozzi mi viene facile perché ho letto tutti i suoi libri e sono pure un po’ partigiano perché lui è rimasto uno che ama scrivere horror come ai tempi di Ultima pelle di FJ Crawford, pseudonimo inventato di sana pianta per convincere la gente a comprare il libro. A me l’horror piace pure se lo scrivono gli italiani, non per niente alle Edizioni Il Foglio (che dirigo) la collana più venduta è piena zeppa di horror italiano. Alla faccia di chi non pubblica horror e di chi non ci investe. Alla faccia di chi dice che per scrivere horror ti devi chiamare King o Lansdale. Mostri sacri, ci mancherebbe altro. Nessuno si sogna di dire il contrario, pure se ora come ora tra King e Nerozzi vi dico leggete Nerozzi che fa horror vero, non tentativi di piccoli brividi per bambini scemi.

Genia è l’inizio di una saga, che in realtà era già cominciata con Cuori perduti (Premio Tedeschi e poi Giallo Mondadori, 2001) ma se n’erano accorti solo i fedeli lettori di Nerozzi. Genia è il primo romanzo di un ciclo che ha come caratteristica fondamentale quella di essere horror fantastico, un sottogenere della narrativa horror che pochi sperimentano. Oggi come oggi va di moda il noir, magari condito di trovare surreali alla Pinketts (che io non sopporto), se tanto tanto uno scrive di cose macabre (ma lo fanno in pochi) utilizza i topos della narrativa del terrore e ricalca situazioni possibili prelevate dalla realtà. Nerozzi invece sceglie la strada più difficile e fa horror fantastico, lo contamina con una spruzzatina di thriller e di giallo, ci mette dentro pure un po’ di sentimento, poesia e scrittura elegante, che nei suoi libri non manca mai, e il piatto è pronto per essere servito. Leggo Nerozzi e mi pare d’essere al cinema negli anni Settanta, comodamente seduto che mi guardo un film di Lucio Fulci, Joe D’Amato, o del primo Pupi Avati (quello de La casa dalle finestre che ridono e di Zeder). La storia che Nerozzi racconta piacerà poco ai preti che mica ci fanno una bella figura, sono emissari del male belli e buoni, presenze inquietanti e maledette che agiscono secondo i dettami d’un vangelo apocrifo in cui si parla della genia dei Lamenti, i demoni che portano il dolore. Chi è delicato di stomaco si astenga dalla lettura perché ci sono particolareggiate descrizioni di morti quasi a livello di narrativa splatter. Ricordo a titolo di avviso la storia di un marito psicopatico che è convinto di avere la moglie indemoniata e la libera in un modo davvero singolare. Prima cuce le labbra della donna con spago da cucina, dopo le infila un tubicino da aereosol nelle narici e le riempie i polmoni di benzina, infine la impicca al ramo di un fico in giardino e accende il tubicino come fosse una miccia per bruciarla di dentro. Genia è una lettura forte, un horror vero come da tempo non se ne pubblicavano, inutile che Dario Flaccovio lo nasconda in una collana di gialli, tanto che è un giallo non ci crede nessuno. Un editore coraggioso Dario Flaccovio, coraggioso e intelligente, uno che investe sui libri che produce, tanto che in questi giorni ho visto su Repubblica un riquadro con la pubblicità di Genia. Una volta tanto fa piacere vedere reclamizzare un buon libro, ti riconcilia col mondo letterario, comprendi che non ci sono solo Baricco e Nove, ci sono pure gli scrittori. Genia ve lo consiglio proprio perché non è il solito giallo alla Falettti o un innocuo noir alla Pinketts. Genia è un horror di quelli che fanno male, che ti prende dentro e non ti abbandona sino a quando non ha finito di trascinarti nei meandri della paura. Se siete preparati a tutto questo entrate nel gioco morboso che Nerozzi conduce all’interno delle pagine e dopo aver letto Genia cercate pure i suoi vecchi libri (Cuori perduti, Le bocche del buio, L’urlo della mosca, Ogni respiro che fai, Immagini collaterali e Prima dell’urlo). Ultima pelle mi sa che non si trova. Se solo me lo lasciasse fare lo ristamperei io!

 
:: Vota
Vota questo articolo: 1 - 2 - 3 - 4 - 5 (1 = scarso - 5 = ottimo)
 
:: Gordiano Lupi

Gordiano Lupi (Piombino, 1960). Collabora con La Stampa di Torino. Traduce gli scrittori cubani Alejandro Torreguitart Ruiz e Yoani Sánchez. Ha pubblicato molti libri monografici sul cinema di genere italiano per la casa editrice romana Profondo Rosso. Collabora con www.tellusfolio.it curando rubriche su Cuba, cinema italiano e narrativa italiana. Tra i suoi lavori più recenti: Cuba Magica – conversazioni con un santéro (Mursia, 2003), Un’isola a passo di son - viaggio nel mondo della musica cubana (Bastogi, 2004), Almeno il pane Fidel – Cuba quotidiana (Stampa Alternativa, 2006), Mi Cuba (Mediane, 2008), Fellini - A cinema greatmaster (Mediane, 2009), Sangue Habanero (Eumeswil, 2009), Una terribile eredità (Perdisa, 2009), Per conoscere Yoani Sánchez (Il Foglio, 2010), Fidel Castro – biografia non autorizzata (A.Car, 2010), Velina o calciatore, altro che scrittore! (Historica, 2010). Cura la versione italiana del blog Generación Y della scrittrice cubana Yoani Sánchez e ha tradotto per Rizzoli il suo primo libro italiano: Cuba libre – Vivere e scrivere all’Avana (2009). Pagine web: www.infol.it/lupi


MAIL: lupi@infol.it
WEB:
www.infol.it/lupi
:: Articoli recenti
 
KULT Virtual Press e KULT Underground sono iniziative amatoriali no-profit - per gli e-book e per gli articoli fare riferimento alla sezione Copyright
Webmaster: Marco Giorgini - e-mail: marco @ kultunderground.org - Per segnalazioni o commenti inviare una e-mail a: info @ kultunderground.org
Questo sito è ospitato su server ONE.COM

pagina generata in 65 millisecondi