:: Home » Articoli » 2004 » Giugno
2004
30
Giu

Leggere distorsioni

Commenti () - Page hits: 850
(T.Point (Antonio Gabbio) - Autori Esclusi)
 
Bellissimi e graffianti i trentanove squarci di vita vissuta di "Leggere distorsioni". Racconti brevi, scritti in uno stile conciso, moderno, che delinea in poche "schegge" spazi ed emozioni. Quattro o cinque pennellate sinestesiche per proiettare il lettore nello squallore metropolitano. Pochi tratti e ti ritrovi in una stanza d'albergo (come nel racconto "Poco"), in un bar al ritorno dalla discoteca ("Giovedì"), in un appartamento a casa di amici, in un locale spagnolo ("Pilar") o in auto in mezzo al traffico. Quando sopravvivere non basta e si vuole essere visibili, non scomparire nel grigio e nell'indifferenza.

Sesso, droga, fumo, alcol, descritti come parte della vita, senza estremismi, senza eccessive lacerazioni, sono un modo per andare avanti; sono paradisi artificiali, una via per comunicare, esigenza primaria, e un antidoto all'incapacità di amare, di amarsi. Tutti i personaggi, in un modo o nell'altro, sono schierati contro la mediocrità, nemico da combattere, contro il perbenismo, contro l'alienante lavoro quotidiano, contro operai o impiegati dagli occhi vuoti, senza idee se non quelle imposte dalla droghe borghesi: televisione, sport, giornali. Zombi senza nerbo, asserviti al potere ("Servi").
Tutti i personaggi, consciamente o inconsapevolmente, tentano di andare oltre questa realtà castrante, di trovare la vita nella strada, per la strada, nel caleidoscopio forse utopico di sogno e arte. Imperativo è fare ciò che va di fare, sempre, la libertà è vissuta e cercata come atto creativo. Ma anche la libertà può diventare una schiavitù. Ed è proprio questa consapevolezza che la rende accettabile, è questa certezza che differenzia l'artista dalla "folla ignara".

Si tenta di percorrere la propria vita e la propria storia, qualunque essa sia, puntando sui sentimenti, divorando emozioni e sensazioni, facendosi divorare da emozioni e sensazioni, si cerca di conoscere l'altro, gli altri, e i riti dell'alcol e del sesso sono uno dei modi per farlo.

Ma è difficile capirsi a fondo, e spesso ci si ritrova soli contro la menzogna quotidiana, pur incontrando milioni di persone e percorrendo parte del cammino insieme ad esse.
Pur entrando e uscendo da infiniti giorni, da infiniti locali e da infiniti letti, è difficile realizzarsi, risultare vincitori; e a ogni partenza, a ogni fallimento, si perde un po' di sé stessi e aumenta la consapevolezza della propria solitudine, pesante da sopportare, e spesso dell'incapacità di cambiare, in un mondo nel quale la speranza vive altrove, è altro rispetto alla strada.
Ma è proprio nella strada che l'artista trova il suo nutrimento, vampiro della realtà ("Dessert di follia"), cantastorie metropolitano, solo verso il proprio destino.
 
(pubblicato su KULT Underground n.109)
 
:: Vota
Vota questo articolo: 1 - 2 - 3 - 4 - 5 (1 = scarso - 5 = ottimo)
 
:: Stefania Gentile
:: Articoli recenti
 
KULT Virtual Press e KULT Underground sono iniziative amatoriali no-profit - per gli e-book e per gli articoli fare riferimento alla sezione Copyright
Webmaster: Marco Giorgini - e-mail: marco @ kultunderground.org - Per segnalazioni o commenti inviare una e-mail a: info @ kultunderground.org
Questo sito è ospitato su server ONE.COM

pagina generata in 828 millisecondi