:: Home » Articoli » 2017 » Marzo
2017
5
Mar

Joe Petrosino

Commenti () - Page hits: 250
Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.
Storia biografia
Pagg. 212
ISBN 9788804501176
Prezzo Euro 10,00
 
Un uomo che amava la giustizia
 
Era un uomo giusto che valeva la pena di conoscere, sono addolorato per la perdita del mio amico Joe (Theodore Roosevelt ai funerali)
 
La mafia si è macchiata nel tempo di orrendi delitti, giungendo a eliminare uomini delle Forze dell’Ordine (per esempio il capo della Squadra Mobile di Palermo Boris Giuliano) e della magistratura, come i sostituti procuratori Giovanni Falcone e Paolo Borsellino. Ma è indubbio che il nome di Joe Petrosino sia ormai entrato nella leggenda, conosciuto da noi e, soprattutto, negli Stati Uniti. Infatti, se non fu la prima vittima fra i poliziotti, fu però anche quello che, operando a New York, si impose con ferrea volontà di sradicare quell’associazione a delinquere che nel tempo prese il nome di Cosa Nostra e che attecchì in America grazie all’immigrazione di mafiosi italiani. Fra questi, senz’altro di spicco per aver saputo strutturare e organizzare questa congrega criminale fu Vito Cascio Ferro.
La biografia che ha scritto Arrigo Petacco cerca di uscire dal mito vero e proprio, per soffermarsi sui fatti, ma è indubbio che la personalità di questo poliziotto di origine campana, giunto con la famiglia negli Stati Uniti quando ancora era un ragazzo, è una di quelle che non può che destare ammirazione. In un’epoca in cui nel Nuovo Mondo gli italiani non erano benvisti, trovarne uno che appassionò milioni di americani resta un caso unico, anche perché è il tipico uomo che si fa da sé. Da netturbino a poliziotto, da graduato a tenente comandante della squadra italiana, attraverso una serie di successi dovuti al metodo seguito e alla totale dedizione, appaiono evidenti i motivi di così tanta fama. Era un onesto e con la vocazione di eliminare i disonesti, era uno capace di organizzare, dando l’esempio, era insomma l’uomo giusto per l’incarico che gli era stato conferito: combattere il crimine organizzato. Se gli si può attribuire un difetto, che è difficile da trovare, uno, particolarmente pericoloso, si manifestò nell’ultima missione di cui era stato incaricato. Arrivato in segreto in Italia per creare appunto un servizio segreto volto a identificare i mafiosi prima che si imbarcassero per l’America, la sua dedizione fu tale che continuò nell’impresa benché, a seguito di incaute dichiarazioni del capo della polizia di New York, la sua presenza nella nostra nazione fosse diventata notoria; quel che è peggio, però, è che nonostante questo grave handicap, lui finì per fidarsi di qualcuno, qualcuno che incontrò in una piazza buia e che lo uccise. Quel qualcuno – ma lo si apprenderà dopo molti anni – era nientemeno che Vito Cascio Ferro.
Resta, però, un chiaro esempio di uomo di legge, sempre accorto, tranne che nell’ultimo giorno della sua vita, e che riuscì a mettere in luce il collegamento in Italia fra mafia e polizia, nonché fra mafia e potere politico. Non si può sapere se sarebbe riuscito nell’impresa, ma c’è più di un dubbio, vista la fine fatta da chi, indagando su questa associazione criminale, stava per avvicinarsi al suo vertice.
Da leggere, senz’altro.
 
Arrigo Petacco è nato a Castelnuovo Magra (La Spezia) e vive a Portovenere. Giornalista, inviato speciale, è stato direttore della «Nazione» e di «Storia illustrata », ha sceneggiato film e realizzato programmi televisivi di successo. Nei suoi libri affronta i grandi misteri della storia, ribaltando spesso verità giudicate incontestabili. Fra gli altri ricordiamo, pubblicati da Mondadori:Dear Benito, caro Winston, I ragazzi del '44, La regina del Sud, Il Prefetto di ferro, La principessa del Nord, La Signora della Vandea, La nostra guerra. 1940-1945, Il comunista in camicia nera, L'archivio segreto di Mussolini, Regina. La vita e i segreti di Maria José, Il Superfascista, L'armata scomparsa, L'esodo, L'anarchico che venne dall'America, L'amante dell'imperatore, Joe Petrosino, L'armata nel deserto, Ammazzate quel fascista!, Il Cristo dell'Amiata, Faccetta nera, L'uomo della Provvidenza, La Croce e la Mezzaluna, Viva la muerte!, L'ultima crociata, La strana guerra, Il Regno del Nord, O Roma o morte, Quelli che dissero no, Eva e Claretta, A Mosca, solo andataNazisti in fugaLa storia ci ha mentito e Ho sparato a Garibaldi.
 
:: Vota
Vota questo articolo: 1 - 2 - 3 - 4 - 5 (1 = scarso - 5 = ottimo)
 
:: Renzo Montagnoli
Renzo Montagnoli nasce a Mantova l’8 maggio 1947. Laureato in economia e commercio, dopo aver lavorato per lungo tempo presso un’azienda di credito ora è in pensione e vive con la moglie Svetlana a Virgilio (MN). Suoi racconti e poesie sono pubblicati sulle riviste letterarie Isola Nera, Prospektiva, Writers Magazine Italia e Carmina. E’ il dominus del sito culturale Arteinsieme (www.arteinsieme.net). Blog:  http://armoniadelleparole.splinder.com  
WEB: www.arteinsieme.net
:: Articoli recenti
 
KULT Virtual Press e KULT Underground sono iniziative amatoriali no-profit - per gli e-book e per gli articoli fare riferimento alla sezione Copyright
Webmaster: Marco Giorgini - e-mail: marco @ kultunderground.org - Per segnalazioni o commenti inviare una e-mail a: info @ kultunderground.org
Questo sito è ospitato su server ONE.COM

pagina generata in 51 millisecondi