2014
13
Nov

Mantova città fortezza e le battaglie risorgimentali

Commenti () - Page hits: 750
Sometti Editoriale
www.sometti.it
Storia militare
Pagg. 208 con ill.ni a colori
ISBN 978-88-7495-400-1
Prezzo € 25,00
 
Colline insanguinate
 
Tutti a scuola abbiamo studiato la storia del nostro periodo risorgimentale e ciò per una semplice ragione: dalle guerre combattute in quegli anni uscì un nuovo stato, l’Italia. Al di là del pur gloriosa impresa di Garibaldi e delle sue camicie rosse che con il loro ardimento, ma anche con il concorso determinante del Regno di Piemonte che corruppe a destra e a manca politici e militari del Regno delle Due Sicilie, è innegabile che il teatro principale di tutto il nostro Risorgimento sia stata la Lombardia, soprattutto nella sua parte orientale, dove vennero combattute furiose battaglie. Se ci si chiede come mai le operazioni militari si siano svolte prevalentemente sui colli morenici del Garda e quindi su un terreno poco pianeggiante e sfavorevole al movimento degli eserciti, la spiegazione sta unicamente nel fatto che esisteva una grandiosa linea di difesa, non rigida, ma elastica, costituita dal famoso quadrilatero con le fortificazioni di Peschiera, di Verona, di Mantova e di Nogara, i cui lati molto lunghi potevano peraltro consentire una vigorosa penetrazione, se compiuta con uomini e mezzi in numero adeguato, così da mettere in difficoltà l’intero sistema.
Mantova, già in passato, all’epoca dei Gonzaga, era ritenuta imprendibile, ma non lo fu, visto il saccheggio del 18 luglio 1630 a cui fu sottoposta dai lanzichenecchi; inoltre fu conquistata dalle truppe napoleoniche, scacciate poi dagli austriaci. Restò invece inviolata proprio durante le tre guerre d’indipendenza, nonostante l’assedio posto nella prima, ed era da lì e da Verona che partivano le truppe asburgiche per contrastare il nemico che veniva da ovest.
Il generale Armando Rati, mantovano di nascita, ha consegnato alle stampe un libro assai interessante in cui descrive gli aspetti militari di battaglie come quelle di Solferino, di San Martino e di Custoza, non tralasciando tuttavia, e senza appesantire la narrazione, gli accadimenti politici forieri delle nostre tre guerre per l’indipendenza. Se il lettore ha timore che movimenti di truppe, orari, caratteristiche degli scontri possano risultare gravosi, preciso da subito che l’autore è riuscito in modo encomiabile a dare, senza esser greve, una visione di queste battaglie, divise quasi sempre in episodi ben precisi, in fatti d’arme che nel loro insieme costituiscono il vero e proprio combattimento, quello che a scuola ci è stato di in volta indicato come le vittorie di Solferino e di San Martino, o come le sconfitte di Custoza, ameno paese del veronese teatro di sanguinose lotte sia nella prima che nella terza guerra d’indipendenza. Pur con il dovuto rigore dello storico, Rati non si ferma a una mera descrizione, ma va oltre, parlando dei prodromi, cioè della preparazione, e delle conseguenze, riuscendo così a far capire come mai nel 1866, benché perdenti a Custoza, ma ancora nel pieno delle forze, peraltro superiori a quelle austriache, non riuscimmo a uscire dal pantano di incertezze con cui avevamo avviato quel conflitto bellico e buon per noi che la Prussia nostra alleata sconfisse gli austriaci, permettendoci di ottenere, sebbene per interposta forza, il Veneto. L’autore, che è uomo d’armi e quindi particolarmente competente, non tira tuttavia le conclusioni, anche perché sono evidenti: la mancanza di un piano ben definito, che mancò anche nella Grande Guerra, portando però a conseguenze molto più tragiche, atteso il numero di militari morti. Come sempre ai nostri soldati non hanno mai fatto difetto il coraggio e l’abnegazione, doti che a volte sono riuscite a supplire alla disorganizzazione dei nostri comandi, in cui approssimazione, eccesso di sicurezza e anche puerile rivalità serpeggiavano, caratteristiche riscontrabili anche nei due grandi conflitti del secolo scorso.
In questo libro, inoltre, vi è da rilevate la grande obiettività dell’autore, teso sì ad esaltare il valore dei nostri soldati, ma anche ad evidenziare quello dei nostri nemici, insomma un’opera, che sotto qualsiasi aspetto la si guardi, è senz’altro meritevole di essere letta.
 
Armando Rati è un generale dell’esercito originario di Acquanegra sul Chiese in provincia di Mantova. Laureato in pedagogia, a indirizzo storico, ormai congedato, si occupa di storia, prevalentemente militare. Ha così pubblicato numerosi saggi, fra i quali 1918: la fine della Grande Guerra, 4° ,Reggimento artiglieria contraerei 1926-2003, Caporetto, I bersaglieri nel Risorgimento (1848-1870), L'80° Fanteria - La lunga storia eroica di un Reggimento mantovano diventata leggenda , La fulgida epopea della Divisione Pasubio, Giacomo Desenzani un generale castiglionese nella Grande Guerra, tutti editi da Sometti.
 
:: Vota
Vota questo articolo: 1 - 2 - 3 - 4 - 5 (1 = scarso - 5 = ottimo)
 
:: Renzo Montagnoli
Renzo Montagnoli nasce a Mantova l’8 maggio 1947. Laureato in economia e commercio, dopo aver lavorato per lungo tempo presso un’azienda di credito ora è in pensione e vive con la moglie Svetlana a Virgilio (MN). Suoi racconti e poesie sono pubblicati sulle riviste letterarie Isola Nera, Prospektiva, Writers Magazine Italia e Carmina. E’ il dominus del sito culturale Arteinsieme (www.arteinsieme.net). Blog:  http://armoniadelleparole.splinder.com  
WEB: www.arteinsieme.net
:: Articoli recenti
 
KULT Virtual Press e KULT Underground sono iniziative amatoriali no-profit - per gli e-book e per gli articoli fare riferimento alla sezione Copyright
Webmaster: Marco Giorgini - e-mail: marco @ kultunderground.org - Per segnalazioni o commenti inviare una e-mail a: info @ kultunderground.org
Questo sito è ospitato su server ONE.COM

pagina generata in 2428 millisecondi